Glasgow finest

Mentre migliaia di depravati in tutta Italia stamattina andavano a fare colazione gratis in pigiama da McDonald’s, sancendo così la definitiva fine della civiltà occidentale, noi vi parliamo di un vera leccornia culinaria da puri disagiati: la barretta di Mars fritta! Questa orrenda specialità (già di suo il Mars fa schifo) è diventata in poco tempo il piatto tipico di Glasgow, la città che al mondo vanta il più alto tasso di infartuate donne… ed un motivo ci sarà.
Già dall’aspetto appare tutto tranne che invitante: in buona sostanza si tratta di prendere un Mars, lasciarlo raffreddare e poi buttarlo nell’olio fritto. Il piatto è stato creato nel 1995 dal mentecatto proprietario di un fish & chips di Stonehaven, cittadina vicino ad Aberdeen, ma, grazie all’interesse dei mass media, si è diffuso rapidamente in tutta la Scozia, fino a trovare a Glasgow il suo naturale territorio d’elezione. Negli ultimi anni l’opinione pubblica si è accorta del cosiddetto “Glasgow Effect”, vale a dire l’elevatissimo numero dei glasvegiani colpiti da infarto ed ictus rispetto a quelli che si registrano in città del Regno Unito della stessa grandezza e popolazione. Ovviamente a questo dato contribuisce lo smodato consumo di alcolici ed una dieta già grassa ed unta (l’haggis, il piatto scozzese per antonomasia, non è certo di facile digeribilità), ma si pensa che i picchi degli ultimi anni siano stati agevolati dall’elevato consumo di questa prelibatezza, tanto da allarmare l’Università di Glasgow che ne caldeggia la messa al bando. Ovviamente nei pubs e nei fish & chips si continua a consumare in abbondanti quantità, quindi se passate di lì provatelo. Noi però vi abbiamo avvertito.
– Johnny Bresso –

(Tratto da aclassifiedlevel.blogspot.it)

20170216mars.jpg

Glasgow finestultima modifica: 2017-02-16T13:19:37+00:00da loverspalazzolo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*