Importante

Chiediamo a tutti i tifosi presenti a Genova e in particolare a chi presente sul pullman da dove il tifoso gravemente ferito è caduto, di recarsi al Bar Roxy, Bussolengo, per sottoscrivere una deposizione sulle condizioni in cui i tifosi viaggiavano durante il percorso verso lo stadio. Vi chiediamo la cortesia di portare con voi una copia del documento di identità. Maggiori spiegazioni al bar.
(Fonte: Movimento Gialloblu Pescantina)

forzaleo.jpg

Arilica Peschiera Lovers-Lovers Palazzolo 0-3

Arilica Peschiera Lovers-Lovers Palazzolo 0-3

Palazzolo: Oscadighiaccio, Fausto, Lea, Lain, Forante, Casa, Giggiriva, Secco, Fontana, Bongiu, Madinelli

Goal: Lain (1t), Casa (2t), Madinelli (2t)

Sostituzioni: Baby per Bongiu, Monch per Fontana, Vantini per Fausto, Ogheri per Madinelli

Pioggia battente per la trasferta notturna dei Lovers, nella sfida al vertice col Peschiera. Grande assente il portierone dei Lovers Lele Baiocchi, arilico d’adozione.. In suo onore, caffè prepartita al Bar Bivio.
Iniziano rendendosi più pericolosi i locali, più abituati a giocare sul proprio campo sintetico, in particolare con una punizione dal limite dell’area, che viene però calciata “appena appena” alta (la palla forse verrà trovata domani durante la pesca al Porto Vecchio).
Nel primo quarto d’ora del match i Lovers costruiscono buone trame di gioco, ma non riescono ad avvicinarsi pericolosamente alla porta avversaria.
Al 15′ un lampo: su calcio d’angolo ben pennellato da Giggiriva, Lain si libera facilmente dalla marcatura e segna con un bel colpo di testa in tuffo, come un qualsiasi Chiellini (o Bonucci o Montero… Decidi tu, Andrea!).
La partita prosegue combattuta soprattutto a centrocampo, fino al 25′ quando su un taglio del Bongiu, il Casa stoppa la palla in area e scarica indietro per Madinelli che calcia di poco a lato del palo.
Subito dopo Madinelli avrebbe l’occasione di rifarsi, ma, trovandosi a tu per tu col portiere, lo impalla nel più classico “Bongiu Style”.
Il primo tempo si conclude con una discesa solitaria ed irresistibile del Secco, che con disinvoltura disarmante semina gli avversari per poi servire in corridoio in area Madinelli che incrocia con il sinistro, ma il tiro si spegne poco lontano dal secondo palo.
Il secondo tempo si presenta scialbo e abulico sino al 20′, quando entrano in campo il Baby e “Piedi di Marzapane” Monch, i quali, senza neanche toccare palla, danno la scossa al match.
Il Casa intercetta una rimessa laterale degli avversari, ruba palla in area, dribbla un difensore ed il portiere e segna di rapina il due a zero.
Qualche minuto dopo, occasione d’oro sui piedi di Madinelli che, nuovamente “Bongiu Style”, spara addosso al portiere.
Al 30′ ha l’occasione per mettersi in evidenza anche Oscardighiaccio che sventa con una parata da gatto un tiro ravvicinato di un’attaccante avversario.
Poco dopo, materiale per la supermoviola casalinga di un polemico tifoso del Peschiera: una punizione millimetrica del Secco sembra insaccarsi all’incrocio dei pali, l’arbitro fischia però la rimessa dal fondo, poi si accorge di un evidente squarcio nella rete della porta, ma non cambia la sua decisione.
Qualche minuto prima della fine, Madinelli controlla un lancio lungo al limite dell’area, con una finta di suola si libera della marcatura di due difensori e poi spiazza il portiere per il definitivo tre a zero con cui si chiude la partita.
Nel recupero l’arbitro, forse mosso a compassione verso il Peschiera ormai sconfitto e sostenendo che i Lovers avevano già effettuato tutti i cambi, impedisce a Bertolaso di entrare, evitando che l’MVP di qualche settimana fa potesse, con qualche sua giocata, aggravare il passivo dei locali.
Tirando le somme, bellissima e meritata vittoria dei Lovers contro una diretta concorrente.. Il vertice della classifica si fa sempre più vicino!!
Due cose degne di particolare nota per la serata lacustre.
La prima, il debutto dell’ex Miami Vice Matteo Vantini, ormai da tempo orfano di Joao.
La seconda, l’abbigliamento da pioggia di Mister Boschi: il Seba si presentava stasera in panchina con basco in testa, spolverino, calzettoni neri, scarpe ginniche e braghe corte nere con bordo giallo fluorescente, evidentemente rubate all’arbitro durante il riscaldamento.
Al Mister vanno comunque i complimenti, non certo per l’abbigliamento, ma senz’altro per la disposizione in campo di stasera dei Lovers e per il costante incitamento dei giocatori anche sotto il diluvio.
Bravo Mister e forza Lovers!! (Fonte: L.B.)

Lovers Palazzolo-Virus Virtus 3-1

Lovers Palazzolo-Virus Virtus 3-1
Palazzolo, 2.11.2013

Lovers: Oscardighiaccio, Satana, Lea, Lain, Fausto, Baby, Giggiriva, Fontana, Bongiu, Pude, Rama

Sostituzioni: Forante per Satana, Boninsegna per Fontana, Giacopuzzi per Pude, Madinelli per Rama, Ogheri per Baby

Goal: Bongiu (1t), Rama (2t), Virus (2t), Madinelli (2t)

Tornano a giocare in casa e tornano vincere i Lovers, in una giornata segnata soprattutto dal debutto di Luca “Cotechinho” Ogheri.
La partita inizia con una lunga fase di studio con poche occasioni, poi gli attaccanti dei Lovers si svegliano rendendosi pericolosi in alcune occasioni, con un incursione di Rama ed un tiro da fuori del Bongiu che finisce a lato.
Si riscatta subito dopo il Bongiu, ben servito dal Pude, che incrocia il tiro in diagonale e insacca sul secondo palo.
Sì avete letto bene.. Ha segnato il Bongiu, ma tranquilli, non si è smentito neanche oggi.. Nel secondo tempo ha, come al solito, impallato il portiere avversario per ben due volte.
Il primo tempo si chiude senza altre emozioni, con gli ospiti che si avvicinano alla porta dei Lovers solo su palla da fermo, ma senza impensierire Oscardighiaccio.
Il secondo goal dei Lovers nasce dall’iniziativa e dalla mira del Bongiu che impalla per due volte il portiere dei Virus. Il secondo rimpallo viene raccolto da Rama che segna di opportunismo.
Poco dopo break dei Virus che si portano sul due a uno: tiro da fuori deviato da Oscardighiaccio a lato dove però si infila l’attaccante avversario che accorcia le distanze.
Non passa molto e i Lovers mettono la partita in ghiaccio: su un ribaltamento di fronte Cotechinho Ogheri stoppa la palla con eleganza, si smarca dall’uomo e serve una palla deliziosa a Madinelli che, freddissimo, segna il tre a uno.
La partita termina poco dopo, ma c’è ancora il tempo per ammirare l’acrobazia con cui Cotechinho Ogheri ha cercato di deliziare il pubblico: su un cross invitante, il Ronaldo di Bussolengo si prepara e carica una bicicletta in piena area.. La sforbiciata non riesce solo per un soffio!
Ottimo risultato per i Lovers, sia per la classifica che per il morale…. Peschiera aspettaci!! (Fonte: L.B.)

Kim Kallstrom, uomo vero

Gesti da BAR SPORT: 15 ottobre 2013, pre-partita di Svezia-Germania valevole per la qualificazione ai mondiali del 2014.
I giocatori scesi in campo erano accompagnati da ventidue bambini affetti dalla Sindrome di Williams, una sindrome che colpisce lo sviluppo con comportamenti autistici. Appena le due nazionali si sono schierate a centrocampo il bambino ritratto nello scatto, di nome Max, ha comiciato ad agitarsi e a stare male . Kim Kallstrom, nazionale svedese, infischiandosene beatamente del protocollo rituale legato agli attimi che precedono gli inni ha abbracciato il piccolo, cercando di rassicurarlo e dandogli quella protezione che è indispensabile in quei momenti in cui Max confonde l’emozione con l’incapacità di gestire il suo male. Sarà anche un gesto banale e normalissimo, ma rimane un bel gesto che non sappiamo in quanti avrebbero avuto la sensibilità di compiere in simili frangenti, magari più intenti a pensare come aggiustarsi il cerchietto fermacapelli o la manica per mostrare il nuovo tatuaggio. Noi però siamo fiduciosi e vogliamo sperare che questa sia sempre la normalità, non l’eccezione.
Sul campo per la cronaca la Germania ha vinto in rimonta 5-3 contro i padroni di casa, ma il vero vincitore è stato chi ha saputo essere prima uomo, poi campione di calcio.
Bravo Kim: uno di noi.
BAR SPORT: uomini veri

(Tratto da BAR SPORT)

kimkallstrommax.jpg